Identità sessuale e diritto canonico
6,00 €
3,6 €
     
SINTESI
Le pagine che seguono costituiscono un frammento di una riflessione più ampia, la quale ruota attorno ad una questione di fondo: il matrimonio, inteso sia come atto costitutivo della famiglia (matrimonium in fieri, come dicono i canonisti) sia come la famiglia stessa che su questo si fonda e che dura nel tempo (matrimonium in facto esse), è un istituto strutturato dal diritto o un istituto strutturato dalla legge? L’interrogativo oggi si pone per più ragioni, non ultima quella relativa alla differenza sessuale quale prerequisito inderogabile del matrimonio. In questo ambito si coglie un divario tra le ideologie del gender, che distinguono e contrappongono natura e cultura, ed il diritto canonico, che viceversa continua ad esprimere una concezione la quale tiene insieme natura e cultura. Nel testo si tenta di dare una risposta all’interrogativo iniziale e cioè che si tratta di istituto strutturato dal diritto e non dalla legge, nel senso che veritas, non auctoritas facit matrimonium.

In Appendice
Il magistero di Benedetto XVI sulle teorie del “gender”
pagine: 76
formato: 12 x 17
ISBN: 978-88-548-7085-7
data pubblicazione: Giugno 2014
editore: Aracne
collana: Florilegium | 8
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto