Psicopatologia e narrazione
Un’analisi dell’opera di Philip K. Dick
19,00 €
11,4 €
     
SINTESI
P.K. Dick è ormai ritenuto la più grande firma del panorama letterario postmodernista. Il complesso rapporto che lo scrittore ha intrecciato con la malattia mentale rappresenta l’imprescindibile punto di partenza da cui operare un’analisi della sua oeuvre, invariabilmente imperniata sulla fondante questione della conoscenza della realtà in sé. I mondi descritti sono universi in cui il processo conoscitivo rifiuta la distinzione tra normalité, folie e déraison ed in cui l’insistenza su tematiche legate alla psicopatologia mentale si intreccia alla disperata ricerca di una verità, penultima che possa essere, la cui immanenza rimanderebbe all’esperienza di comunione empatica, ultimo senso dell’esistenza umana. Acuto interprete del suo tempo, ha saccheggiato le diverse epoche, correnti letterari e approcci esistenziali per portare avanti quell’ impietoso e sofferto viaggio senza ritorno nelle spirali labirintiche della mente umana, oltre ogni concetto di sanità o malattia mentale.
pagine: 298
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-6929-5
data pubblicazione: Febbraio 2014
editore: Aracne
collana: Riverrun | 16
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto