Publica e communis
Acqua, mondo romano e beni comuni
10,00 €
6,00 €
     
SINTESI
Nel mondo romano l’acqua non poteva essere negata, neanche agli stranieri, e il diritto attribuiva ai cittadini la (co)responsabilità della gestione. Oggi i beni comuni, e l’acqua bene comune par excellence, rappresentano un argomento di estrema attualità. Fra analisi antropologiche e approcci giuridici questo testo mette in relazione i due argomenti affrontando la questione dell'acqua e dei beni comuni attraverso una prospettiva diversa dall’approccio giuridico, economico o politico. E. Cangelosi ricostruisce norme culturali, sociali e giuridiche relative all’acqua e analizza due concetti fondamentali, quello di publicus e di communis, restituendoli al loro significato originario. La reciprocità e la responsabilità condivisa, a garanzia di una sorta di “diritto all’acqua” ante litteram, appaiono centrali nell’immaginario romano e la ridefinizione del concetto di pubblico e di comune, e della loro interazione, offre utili spunti nel dibattito sui beni comuni nella società contemporanea.
pagine: 140
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6872-4
data pubblicazione: Febbraio 2014
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto