I “costi” della partecipazione nei quartieri periferici
Una sfida per la pianificazione e le politiche urbane
20,00 €
12,00 €
     
SINTESI
Ormai da tempo, con il paradigma comunicativo e per mezzo della partecipazione, la pianificazione urbana persegue l’ideale di giungere ad essere più inclusiva, plurale e democratica. In questo ideale è pure custodita l’idea di una pianificazione in grado di rappresentare le ‘voci’ di tutti, anche dei più deboli ed esclusi. Una pianificazione che alla fine contribuisca a porre fine alla produzione di spazi e luoghi ingiusti, come spesso sono quelli dei quartieri periferici. Tuttavia, in molte periferie, esistono certe pre-condizioni che – a prescindere dall’implementazione dei processi partecipativi – tendono ad innalzare, ed anche vertiginosamente, i ‘costi’ della partecipazione. E mentre ciò ci scoraggia, esplorando la vita quotidiana che normalmente si trascorre in due ‘tipiche’ periferie del Sud d’Italia (San Paolo di Bari e Paolo VI di Taranto), questo studio prova a rintracciare e a far luce sulle principali pre-condizioni che ostacolano, sino ad impedire, la partecipazione nei due quartieri sotto-esame. E questo, anche al fine di evitare che la ‘meta’ di giungere a città inclusive, plurali e democratiche resti solo gelosamente custodita nei nostri ideali/sogni di democrazia.
pagine: 376
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6840-3
data pubblicazione: Gennaio 2014
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto