Il Codice mancato
Tentativi di codificazione della procedura e riforma della giustizia criminale nella Toscana ottocentesca
12,00 €
7,2 €
     
SINTESI
Il volume intende analizzare quella «smania» codificatoria che innerva l’esperienza giuridica toscana della Restaurazione in un campo del diritto finora non esaustivamente studiato dalla storiografia, quello della procedura criminale. Prendendo le mosse dal regolamento emanato nel 1814, si cerca di far luce su svariati progetti di regolamenti e di codici, alcuni dei quali finora non conosciuti, realizzati da commissioni o giuristi incaricati dal sovrano a partire dal 1816 per giungere quasi alla caduta del Granducato. Protagonista indiscusso del volume è lo scontro fra la scuola pratica toscana, capeggiata da Poggi e Carmignani e fautrice di un rito inquisitorio puro, e la corrente moderata e progressista, che cerca di introdurre un sistema ispirato al modello misto francese. L’impossibilità di conciliare tali vedute costituisce il primo motivo del fallimento della codificazione (e con essa della riforma) della procedura criminale.
pagine: 188
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6760-4
data pubblicazione: Dicembre 2013
editore: Aracne
collana: Storia del diritto e delle istituzioni | 13
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto