Terra immane
Etica e poetica nelle opere di J.M. Coetzee
25,00 €
15,00 €
     
SINTESI
Scriveva Frantz Fanon ne I dannati della terra: «La prima cosa che l’indigeno impara è stare al suo posto, a non oltrepassare i limiti». Intrecciando letteratura e medicina, filosofia del linguaggio e narrazioni, postcolonialismi e democrazia, Diego Dotari propone un’originale e a tratti sovversiva descrizione delle opere del premio Nobel John Maxwell Coetzee, accompagnando il lettore in una ricostruzione della filosofia dell’autore sudafricano. La lingua e la terra diventano così gli attori centrali di questa indagine in cui l’analisi del soggetto esce dal campo della ricerca accademica per entrare nella vita quotidiana.
pagine: 560
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-6727-7
data pubblicazione: Dicembre 2013
editore: Aracne
collana: Sulle orme di Prospero | 3
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto