De summa rerum
Viaggio attraverso le esplorazioni metafisiche del giovane Leibniz (1675-76)
25,00 €
15,00 €
     
SINTESI
Il De summa rerum è il prodotto multiforme di un anno (1675-76) di intensa riflessione metafisica per Leibniz, durante il quale egli esplora idee talvolta contraddittorie e lontane dal pensiero maturo. In questi scritti privati e spesso frammentari, egli sembra ondeggiare tra un panteismo di matrice spinozista e un pluralismo sostanziale, che quasi apre all’atomismo. Ricostruendo la relazione Leibniz-Spinoza mediata dal comune amico Tschirnhaus, il presente lavoro offre una mappa delle più urgenti istanze metafisiche del periodo – attributi di Dio; origine delle cose dalle forme; relazione mente-corpo, composizione del continuo – e presenta i testi del De summa rerum, per la prima volta integralmente tradotti in italiano.
pagine: 464
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6602-7
data pubblicazione: Ottobre 2013
editore: Aracne
collana: Ars inveniendi | 25
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto