Nietzsche e la violenza nei limiti della ragione
17,00 €
10,2 €
Tommaso Scappini
Prefazione di Livio Bottani
Presentazione di Ugo Perone
     
SINTESI
Per Nietzsche la metafisica è una ragnatela e un labirinto in cui l'uomo è invischiato da tempi ancestrali. In questo saggio essa viene sezionata nelle tre architravi che sorreggono la cultura umana, o almeno quella occidentale: la Città, l'Uomo e il Logos. Questi pilastri sono gli ambiti in cui la violenza umana si esprime. La loro analisi conduce ad affrontare la grande questione dell'altro della violenza, cioè a delineare l'istanza nascosta contro cui la violenza umana resiste. Tale lato oscuro è un altro genere ancora di violenza, una violenza inumana che l'uomo tenta da sempre di soggiogare. La ricerca delle violenze umane e l'abbozzo di quella inumana partono dall'analisi delle opere di Nietzsche, il filosofo che più lucidamente ha posto le basi per esplorare l'universo della violenza. Guida nell'inferno nietzschiano della violenza è il filosofo francese George Bataille, il quale però, proprio come il Virgilio dantesco, non può ricondurre l'esploratore a riveder le stelle.
pagine: 304
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6545-7
data pubblicazione: Ottobre 2013
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto