Manipolazione psicologica e diritto penale
19,00 €
11,4 €
     
SINTESI
Le attuali tecniche di proselitismo politico e, soprattutto, religioso generano diffuse istanze incriminatrici volte a colmare il vuoto di tutela lasciato dalla sentenza di incostituzionalità del delitto di plagio, e a proteggere l’integrità psichica da condizionamenti illeciti eteroindotti, anche quando privi di dannosità sociale in quanto autorizzati da un consenso pieno e “competente” dell’avente diritto. Tale vocazione punitiva, tuttavia, oltre a ingerirsi indebitamente nella intangibile sfera di libertà che compete alle scelte personali, si traduce costantemente in proposizioni legislative non compiutamente tipizzate e carenti di collegamento con la realtà, a causa della congenita irriducibilità del fenomeno manipolativo ad una dimensione normativa concettualmente accessibile ed empiricamente verificabile.
pagine: 332
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6526-6
data pubblicazione: Ottobre 2013
editore: Aracne
collana: «I Libri» di Archivio Penale | 22
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto