Frank Lloyd Wright: geometria e astrazione nel Guggenheim Museum
16,00 €
     
SINTESI
È possibile risalire alle conoscenze e alle competenze di un individuo, passando attraverso l’analisi della sua produzione matura? A questa domanda risponde affermativamente la presente opera, che ripercorre le vicissitudini biografiche di Frank Lloyd Wright: dalle prime sperimentazioni geometriche svolte al tavolo del Kindergarten – il metodo educativo di Friedrich Fröebel –, all’incontro con la Geometria Descrittiva, avvenuto negli anni dell’Università frequentata nel Wisconsin. L’analisi delle ripercussioni innescate da queste due specifiche esperienze formative è stata compiuta su uno dei capolavori più maturi del Maestro: il Guggenheim Museum; questo libro individua le regole teoriche e le geometrie sottese – a volte più evidenti, a volte nascoste – alla base del comporre e del rappresentare wrightiano. Si evince, così, che il celebre edificio, le cui forme plastiche sottraggono un brandello di città alla rigida maglia “ippodamea” di New York, è certamente frutto di una profonda conoscenza della geometria, alle cui regole l’architetto si è rivolto non solo per risolvere i problemi legati al complicato assemblaggio delle sue superfici, ma anche per promuovere l’immagine di un museo che fosse il “ritratto” più emblematico della modernità.
pagine: 188
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6523-5
data pubblicazione: Ottobre 2013
editore: Aracne
collana: Storia dei metodi e delle forme di rappresentazione | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto