La seconda chance
Bilinguismo e auto–traduzione nell’opera di Samuel Beckett
16,00 €
9,6 €
     
SINTESI
Il libro si compone di tre capitoli più un quarto capitolo intervista a Raymond Federman: nel primo capitolo passo in rassegna la critica beckettiana sul bilinguismo e l’auto-traduzione, nel secondo e più vasto capitolo fornisco una casistica per categorie degli scarti testuali nell’opera di Beckett, nel terzo capitolo fornisco un’interpretazione critica di una tale pratica dell’auto-traduzione, alla luce della retorica dell’epanortosi, o correctio in latino. Come Beckett spiega a Ferdeman in una conversazione con il critico, scrivere in una seconda lingua e poter correggere il testo traducendolo, offre allo scrittore, una seconda possibilità di dire ciò che voleva dire, di avvicinarsi alla verità. Conclude il libro un capitolo intervista a Raymond Federman, in cui Federman su esprime sia su Beckett che sulla propria opera di scrittore bilingue e auto-traduttore.
pagine: 268
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-6449-8
data pubblicazione: Ottobre 2013
editore: Aracne
collana: Riverrun | 13
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto