Ricerche sul matrimonio romano in età imperiale (I-V secolo d.C.)
18,00 €
10,8 €
     
SINTESI
L’esame di numerosi testi giuridici conduce ad una lettura diversa del matrimonio romano. Fondamentale, anche nel matrimonio classico, era il consenso iniziale, estrinsecato in una forma determinata. Non si può escludere che il matrimonio possa essersi presentato nella realtà sociale e nella configurazione giuridica, come un atto che si concretava in determinate formalità nel cui compimento si identificava la nascita del rapporto. Nel tentativo di delineare un quadro giuridico non si può fare a meno di appropriarsi di espressioni e di riti che l’unione coniugale deriva dalla realtà sociale e religiosa. Nel tardo Impero non si ha una spaccatura netta rispetto all’epoca precedente, il matrimonio si costituisce ancora come un tempo, ma al modo tradizionale si affianca, fino ad assumere una maggiore rilevanza, la forma scritta, mutuata da alcuni usi delle popolazioni sottomesse ai Romani. Gli Imperatori tendono a non ammettere altre forme. Numerosi sono, poi, gli interventi imperiali che stabiliscono divieti matrimoniali.
pagine: 312
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6446-7
data pubblicazione: Ottobre 2013
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto