Zelmira e lo stile compositivo “tedesco” di Gioachino Rossini
12,00 €
7,2 €
     
SINTESI
“Il Rossini progredisce a gran passi per la via della perfezione. Tanto la Zelmira ci par superiore al Mosè, per quanto il Mosè su tutte quante le altre produzioni di questo insigne maestro primeggiava: e ciò è dir tutto”.Oggi poco conosciuta e di rara esecuzione, nel XIX secolo Zelmira era considerata in assoluto tra le opere più belle e maestose che Rossini avesse mai composto, riscuotendo trionfi e furori ovunque venisse rappresentata. Venne acclamata come opera diversa dalle altre con novità stilistiche e armoniche mai udite in precedenza dal pubblico italiano.
Cosa vi trovarono di così nuovo, entusiasmante, diverso e addirittura perfetto?
In questo libro si tenta di dare una risposta: dopo una presentazione storica, un’analisi dettagliata della partitura cerca di scoprire il nuovo stile compositivo che Rossini adottò per Zelmira — stile che venne definito “tedesco” dai critici dell’epoca — tentando di svelare anche i lati nascosti della drammaturgia musicale.
pagine: 200
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6283-8
data pubblicazione: Dicembre 2013
editore: Aracne
collana: Immota harmonìa | 13
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto