Minima Res
Riflessioni realiste su Niklas Luhmann
13,00 €
7,8 €
     
SINTESI
La teoria dei sistemi di Luhmann ha il pregio della chiarezza. È il pensiero di chi, senza ombre, si assume il compito e la responsabilità di un “certo modo” di fare sociologia, un modo che ne ha promosso la fine, come già fece Hegel trasformando la filosofia in gnosticismo. Secondo Luhmann la sociologia non è lo studio, la ricerca e la comprensione di una realtà che, composta da molteplici fattori, è generata dagli uomini, ma è la creazione di un modello a cui quella realtà, cioè la vita sociale, si pensa sia, o debba essere, conforme. In nome della scienza prima, e dell’astrazione poi, si vuole “incasellare” la società dentro il modello di sistema, per poi trasformare il sistema nella realtà sociale stessa. È questa la tradizione che eredita Luhmann e che Luhmann stesso porterà alle sue estreme conseguenze. È una sociologia che crea una “seconda realtà”, una “seconda realtà” che finisce prima o poi per eclissare la vita sociale negli “schemi della mente”. Ciò che si oppone, dunque, ciò che sta “contro” a questo “modo” di fare sociologia non è un'altra teoria, superiore, più coerente o più adeguata, ma è proprio la realtà della società, quella “prima realtà” che non si lascia eclissare da nessun sistema, perché gran parte della vita sociale, o meglio, il nucleo più profondo della vita sociale, non è, né funziona, come un sistema.
pagine: 140
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6254-8
data pubblicazione: Agosto 2013
editore: Aracne
collana: Sed contra | 1
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto