Il Partito democratico visto dal basso
14,00 €
8,4 €
     
SINTESI
Dopo solo quattro anni il Partito democratico sembra già vecchio. Usurato da una fusione mai realizzata. Senza una identità e una agenda politica. I conflitti interni si propongono con immancabile continuità e presto comincia a perdere pezzi. Verso il centro. Il consenso è emorragico e il futuro incerto. Le primarie del novembre 2012 sembrano rappresentare una svolta. Cresce la fiducia e i sondaggi (sbagliati) lo riportano ai livelli del 2008. Le elezioni di inizio 2013 contraddicono, però, ogni previsione e il Pd tocca il punto più basso del proprio consenso. Una debacle, completata, poi, con un “governo di larghe intese” voluto dal Presidente della Repubblica (appositamente rieletto) e da quella politica (sconfitta in sede elettorale) che si legittima nella “retorica della crisi”. Un governo in totale discontinuità con le primarie, le alleanze e i programmi elettorali e, soprattutto, con il volere dei suoi elettori, sempre più lontani da un partito ormai vittima di se stesso e del caos che lo attraversa. In questo smarrimento si prova a comprendere il “progetto Pd” partendo dall’inizio. Dall’idea “sbagliata” che lo origina. Un’idea colta, spiegata e narrata dal basso. Dal territorio. Dalle voci dei suoi dirigenti locali.
pagine: 220
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6251-7
data pubblicazione: Agosto 2013
editore: Aracne
collana: Laboratorio di politica | 6
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto