Le lingue estere
Storia, linguistica e ideologia nell'Italia fascista
22,00 €
13,2 €
     
SINTESI
Nel 1934 in Italia, nel periodo centrale della dittatura fascista, venne fondata Le lingue estere, una delle prime riviste in Europa a trattare la linguistica e la lingua contemporanea. Con il suo carattere divulgativo, nell'arco di 17 anni portò la riflessione linguistica sull'italiano e le altre lingue nelle case della gente comune così come nelle accademie, rispecchiando la realtà storica e politica coeva. Rintracciando le relazioni tra lingua, ideologia e politica editoriale di Le lingue estere – con particolare enfasi sui rapporti italo-tedeschi – questo libro aggiunge un tassello alla storia del pensiero linguistico italiana ed europea.
pagine: 352
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-6250-0
data pubblicazione: Settembre 2013
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto