Divorzio, nuove nozze e penitenza nella Chiesa primitiva
Terza edizione
26,00 €
15,6 €
     
SINTESI
“Ciò che Dio ha unito, l’uomo non deve separare”. Questo insegnamento di Gesù sul matrimonio è stato vissuto nella chiesa dei primi secoli, che non si stancava di predicare la monogamia. Come interpretare tuttavia altre parole di Gesù (“Colui che ripudia il proprio coniuge e ne prende un altro, è adultero”. “La persona divorziata che si risposa, è adultera”. “Colui che sposa una persona divorziata, è adultero” )?. La chiesa cattolica latina a partire dal medioevo ha creduto di dover rispondere a questo problema con il sistema dei tribunali ecclesiastici che verificano se la prima unione era davvero “ciò che Dio ha unito”. La chiesa dei primi secoli invece considerava l’adulterio, nel senso in cui il termine è usato nell’evangelo, come uno dei tre peccati più gravi, ma rivendicava il potere di assolvere tutti i peccati, compreso questo. È ciò che emerge dalle testimonianze relative alla controversia novaziana, e soprattutto dal canone 8 del concilio di Nicea. Ragioni pastorali e ragioni ecumeniche sembrano rendere opportuno che la chiesa cattolica ritorni oggi alla prassi penitenziale della chiesa dei primi secoli, conservata in oriente e riscoperta da diverse chiese d’occidente.
pagine: 446
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-6156-5
data pubblicazione: Agosto 2013
editore: Aracne
collana: “Luca da Penne” – Religione, diritto e politica | 3
SINTESI
EVENTI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto