Il capitalismo e le crisi
16,00 €
9,6 €
     
SINTESI
L’autore attraverso un’esposizione divulgativa sul funzionamento del modo capitalistico di produzione e sulla sua dinamica, arricchita da approfondimenti critici sulle teorie economiche, ci spiega le quattro grandi crisi di sistema (1873–1890; 1929–1933; 1973–1982; 2007–2013), che oltre alle normali crisi cicliche, hanno interessato il capitalismo dalla seconda metà dell’Ottocento ai nostri giorni. In particolare, Giuseppe Amata analizza le cause che determinarono l’attuale crisi economico-finanziaria, svelando tutti i retroscena della speculazione finanziaria e del meccanismo perverso che l’alimenta, con al centro le grandi banche mondiali sostenute dal F.M.I., dalla B.C.E., dalla Commissione Europea e soprattutto dai governi dei paesi nord-americani, europei e del Giappone; e discute sulle prospettive per superarla nell’ambito dell’arricchimento della teoria economica al servizio di un progetto scientifico per la trasformazione del modo capitalistico di produzione, sollecitata anche dalla più grave crisi ambientale che l’umanità abbia vissuto.
pagine: 260
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-6122-0
data pubblicazione: Luglio 2013
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto