Aspetti del realismo politico italiano
Gaetano Mosca e Guglielmo Ferrero
32,00 €
19,2 €
     
SINTESI
Il realismo politico italiano, quello che si sviluppa tra ‘800 e ‘900, fa soprattutto riferimento agli elitisti italiani ed è ascrivibile non solo e non tanto all’ambito delle relazioni internazionali, ma anche e piuttosto a un vasto campo di analisi configurantesi propriamente come scienza politica. A voler individuare i caratteri peculiari del realismo politico italiano ci si rende immediatamente conto delle sue sfaccettature e peculiarità. Basti pensare a due autori come Gaetano Mosca (1858-1941) e Guglielmo Ferrero (1871-1942). Tra l’elitismo politico del primo e quello culturale del secondo c’è una sostanziale differenza che si esprime in una diversa visione della democrazia e del governo misto, del potere e della legittimità. Tuttavia, tra la moschiana “formula politica” e i ferreriani “geni invisibili della città” esiste un minimo comun denominatore rinvenibile in una visione condivisa del potere, la cui titolarità spetta a “una minoranza organizzata”, magari culturalmente più dotata, e in grado di guidare la “maggioranza disorganizzata”.
pagine: 564
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-5953-1
data pubblicazione: Settembre 2013
editore: Aracne
collana: Cronogrammi | 13
SINTESI
INDICE
EVENTI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto