La Ragione e il Fenomeno
Itinerari epistemologici tra matematica e scienze empiriche
25,00 €
17,5 €
     
SINTESI
Nel corso dell'era moderna si è andata consumando una progressiva divaricazione che vede, da una parte, la cosiddetta "cultura umanistica", dall'altra il pensiero scientifico. La prima, necessariamente aperta alla complessità dei significati del vivere e dell'esistenza umana, non può evitare, anche suo malgrado, di misurarsi con le grandi domande poste dalla metafisica. Il secondo, vincolato alle esigenze dell'oggettività e del rigore formale, rischia di rinunciare alla significanza dei suoi oggetti fondanti. Al culmine di questo processo, il Neopositivismo di primo Novecento sembrava porre la questione in termini di netta e inconciliabile antitesi. Ma è proprio così? Può la Scienza crescere e dare risposte alle nostre domande, senza essere essa stessa partecipe del substrato significativo del nostro vivere? E, in caso contrario, in che modo essa può mantenere rigore e oggettività, distinguendosi dalla dimensione "mitica" con cui necessariamente interagisce? A queste e a molte altre domande il libro cerca di rispondere attraversando, come in un viaggio simbolico, le differenti regioni del sapere scientifico, dalle sue lontane origini, alle più recenti acquisizioni.
pagine: 536
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5734-6
data pubblicazione: Gennaio 2013
editore: Aracne
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto