Il “cinema scritto” dei letterati 1907-1930
Racconti e soggetti, poemi, scenari e protosceneggiature tra Letteratura e Cinema
15,6 €
     
SINTESI
Il volume ripercorre la nascita e lo sviluppo del ‘cinema di carta’ prodotto in Europa dai letterati, nei primi trent’anni del secolo XX. Viene proposta un’analisi storico–comparatistica di testi (dal ‘racconto’ alla ‘protosceneggiatura’), alcuni dei quali inediti, provenienti da diverse aree linguistiche (francese, italiana, spagnola, tedesca, slava, romena, ungherese). Inoltre, l’autore affronta l’aspetto teorico di un genere che non è più solo letteratura e non è ancora cinema, ma, appunto, «cinema scritto» (K. Pinthus).
pagine: 604
formato: digitale
ISBN: 978-88-548-5594-6
data pubblicazione: Luglio 2014
editore: Aracne
collana: Cinema ed estetica cinematografica | 14
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto