Il nuovo diritto bancario
20,00 €
14,00 €
     
SINTESI
L'indagine evidenzia la nascita di un nuovo diritto bancario e la necessaria rilevanza dei profili civilistici dell'attività bancaria. Infatti la rigenerata situazione privatistica dell'ordinamento bancario —pur accompagnata dalla introduzione di una disciplina di settore — non ha comportato la mera reviviscenza delle regole della prassi commerciale, quanto piuttosto, nella disciplina giuridica che regola i rapporti contrattuali banca cliente, la prevalenza di tecniche e strumenti civilistici. Di modo che il neoformalismo contrattuale, il regime di invalidità orientato alla protezione del contraente debole, ed il generale divieto di rinvio agli usi per la determinazione delle condizioni economiche, costituiscono mezzi e rimedi giuridici che appaiono del tutto estranei alle (ed incompatibili con le) regole spontaneamente sorte nella prassi. Di qui una situazione di novità non solo perché l'attività è caratterizzata dal fatto di operare ora in un ambito spiccatamente privatistico, ma soprattutto perché, in tale ambito, é necessariamente indirizzata verso un adeguamento e un'armonizzazione della prassi contrattuale alle norme giuridiche emanate per la realizzazione delle esigenze di equilibrio e proporzionalità tra gli interessi in gioco che invece nel vecchio contesto (formalmente pubblicistico) risultavano sottovalutate e marginalizzate.
pagine: 348
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5548-9
data pubblicazione: Dicembre 2012
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto