Politiche ferroviarie, modelli di mobilità e territorio
 Le ferrovie italiane nell’epoca della pseudo liberalizzazione
35,00 €
21,00 €
     
SINTESI
Esiste un legame tra l’attuazione delle direttive della Unione Europea in materia di liberalizzazione dei mercati ferroviari, nate per regolamentare i mercati interni e la concorrenza, e la trasformazione degli assetti del territorio che passa attraverso i cambiamenti delle pratiche di mobilità dei cittadini. Risulta al tempo stesso evidente come a livello comunitario non siano state sufficientemente prese in considerazione le ricadute territoriali che tale processo avrebbe avuto sul territorio. Partendo dal presupposto, culturale e disciplinare, che proprio alle infrastrutture è legato un ruolo fondamentale nelle trasformazioni degli assetti del territorio, inteso come fenomeno complesso che riunisce in sé quegli aspetti sociali, economici e ambientali in continua e reciproca relazione che costituiscono lo scenario della nostra vita, questo volume raccoglie una serie di contributi multidisciplinari e internazionali sviluppati nel contesto di una ricerca sugli “effetti territoriali della liberalizzazione delle infrastrutture” condotta nell’ambito del Dipartimento di Studi Urbani della Università Roma Tre.
pagine: 176
formato: 23 x 21,5
ISBN: 978-88-548-5546-5
data pubblicazione: Novembre 2012
editore: Aracne
collana: Quaderni del Dipartimento di studi urbani | 2
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto