Riflessioni sull'art. 2645 ter del codice civile
10,00 €
7,00 €
     
SINTESI
L'art. 39-novies del decreto legge 30 dicembre 2005 n. 2731, aggiunto dalla legge di conversione 23 febbraio 2006 n. 51, ha introdotto, dopo l'art. 2645-bis del codice civile, l'art. 2645-ter, avente ad oggetto la trascrizione di atti di destinazione per la realizzazione di interessi meritevoli di tutela riferibili a persone con disabilità, a pubbliche amministrazioni o ad altri enti o persone fisiche. Dunque, con l'introduzione di tale istituto è possibile costituire un vincolo di destinazione su di una massa patrimoniale che, pur restando nella titolarità giuridica del "conferente", assume la connotazione di massa patrimoniale "distinta" rispetto alla restante parte del suo patrimonio, in virtù del vincolo di destinazione reso opponibile nei confronti dei terzi con l'esecuzione della formalità di trascrizione (beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri) per un periodo non superiore a novanta anni o per la durata della vita della persona fisica beneficiaria (soggetti individuati con ampia formulazione), e sempre che si possano riscontrare interessi meritevoli di tutela ai sensi dell'art. 1322 secondo comma del codice civile. Questo lavoro, prendendo le mosse dalla giurisprudenza e dalla dottrina, analizza approfonditamente e con valutazioni critiche la fattispecie in parola, mettendola anche a confronto con altri istituti (ad una prima analisi) similari.
pagine: 156
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5470-3
data pubblicazione: Ottobre 2012
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto