Costituzioni, interpretazioni, disaccordi
Appunti per un diritto che cambia
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Negli ultimi due secoli il costituzionalismo — come dottrina del controllo giuridico sul potere — si è declinato attraverso due principi fondamentali e contrapposti: la democrazia e il sindacato di legittimità, ossia si è radicato il criterio del consenso politico, da un lato, e si sono affermate le corti costituzionali, d’altro lato. Tuttavia, il quadro istituzionale non è rimasto fisso, anche in ragione dell'accentuarsi del processo di internazionalizzazione, e ha via via mostrato sempre più intensi segni di squilibrio e difficoltà. Il mutamento reale ha reso urgente una riflessione sulle fonti del diritto e sulle prospettive istituzionali del prossimo futuro globalizzato. Il volume, a partire da un'analisi–critica dell'approccio dottrinale neocostituzionalista, cerca di evidenziarne il contributo per la formulazione di nuove metodologie di controllo del potere, nell'ambito di un mutato contesto politico–economico, caratterizzato da blocchi regionali, pluralismo giuridico e nuovi attori (come la World Bank o il FMI).
pagine: 248
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5455-0
data pubblicazione: Ottobre 2012
editore: Aracne
collana: Studi di filosofia analitica del diritto | 14
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto