Dante poeta-profeta, pellegrino, autore
Strutturazione espressiva della Commedia e visione escatologica dantesca
10,00 €
6,00 €
     
SINTESI
Il presente saggio, affiatato con ricerche recenti di area americana e inglese, si pone alla ricerca dell’auctoritas nella Commedia esaminando la posizione di Dante tra i poeti-auctores antichi e l’auctoritas che spetta ai libri sacri di AT e NT. Il grido profetico di Dante è inseparabile dall’immagine del poeta proiettata all’interno della Commedia: vi è il poeta–pellegrino, l’agens; vi è il poeta–scriba, addetto a riprodurre in modo essenzializzato le esperienze vissute dal pellegrino; vi è l’autore, il poeta–profeta, il quale dice io anch’egli e interviene dal presente della scrittura per ammaestrare il lettore ed esecrare i vizi della cristianità sviata. Lo studio di momenti “forti”, nella Commedia, del profetismo dantesco e del rapporto tra esso e la “lupa”, è condotto per campioni tolti alle zone più intensamente profetiche del poema: dagli aspetti escatologici, politici e sociali dell’antefatto, attraverso le intense reminiscenze da Ezechiele e da Apocalisse
pagine: 160
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5337-9
data pubblicazione: Marzo 2013
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto