Esiguità ed irrilevanza nella concezione gradualistica del reato
16,00 €
9,6 €
     
SINTESI
Il presente lavoro affronta i temi della esiguità e della irrilevanza nella concezione gradualistica del reato. Il reato, inteso come una “costruzione a gradi”, rimane soggetto a graduazione sia in senso qualitativo che quantitativo, al pari di ogni elemento da cui è composto. Il volume affronta tale graduazione, soffermandosi, in particolare, sulla soglia di minima rilevanza del fatto (c.d. esiguità) e di ogni elemento costitutivo del reato. In tale percorso vengono trattati anche i temi della irrilevanza, della inoffensività, dei c.d. fatti inoffensivi corrispondenti al tipo e dei reati bagatellari propri ed impropri. Nel presente lavoro, si è cercato di ripercorrere le tematiche centrali che caratterizzano i criteri di esiguità e le clausole di irrilevanza nonché i relativi indici di quantificazione e qualificazione ricercando, in particolare, i confini tra la irrilevanza sostanziale e la particolare tenuità del reato. Al centro del presente lavoro si colloca inevitabilmente l’offesa quale nucleo essenziale del reato.
pagine: 264
formato: 17 x 14
ISBN: 978-88-548-5318-8
data pubblicazione: Novembre 2012
editore: Aracne
collana: «I Libri» di Archivio Penale | 11
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto