Rispetto, diritto, conflitto
Riflessioni sulla crisi delle utopie liberali
9,00 €
5,4 €
     
SINTESI
Con il concetto di utopie liberali si è inteso indicare, in queste pagine, le innumerevoli dottrine che, dal Seicento in poi, hanno affermato la possibilità di costruire una società “equa” e “giusta” basandosi sui principi cardine del liberalismo: il rispetto dei diritti della “persona”, il libero scambio tra lavoro e salario e tra merci e denaro, il costituzionalismo e il parlamentarismo, la divisione dei poteri e l’etica della tolleranzae del dialogo in ambito religioso, culturale e scientifico. Il volume percorre, senza pretese esaustive, alcune configurazioni storiche e teoriche di questa variegata corrente del pensiero moderno e contemporaneo, ponendo interrogativi che riguardano, sia le sue premesse filosofiche, sia le motivazioni del suo ciclico diffondersi e divenire ideologia delle classi dominanti, entrare in crisi, spostarsi altrove, tornare in auge.
pagine: 128
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5264-8
data pubblicazione: Novembre 2012
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto