Il ritorno del "vero re"
L'ultima rentrée di Giovanni Giolitti
14,00 €
9,8 €
     
SINTESI
«Il vero Re sono io!»: l'irosa apostrofe di Cavour all'indirizzo di Vittorio Emanuele II segnò fin dagli esordi lo strisciante dualismo interno al Regno d'Italia. Da una parte la maestà della Corona, cui lo Statuto assegnava amplissime prerogative; dall'altra il Presidente del Consiglio, figura neppure contemplata dalla Carta costituzionale. Agli esordi del Novecento, toccò a Giovanni Giolitti lanciare la sfida di un'evoluzione del regime italiano in senso pienamente parlamentare. Il presente volume ripercorre le tappe salienti del percorso attraverso cui Giolitti tornò per la quinta volta al governo con l'obiettivo dichiarato, e mai conseguito, di mettere mano allo Statuto e ridimensionare le prerogative regie. Tale tentativo segnò anche l'ultimo soprassalto significativo del regime monarchico-liberale. Nel volgere di pochi anni, non vi sarebbe stato più spazio per "veri Re" di cavouriana o giolittiana memoria: i "bivacchi di manipoli" mussoliniani avrebbero dato il senso di una maestà del tutto diversa.
pagine: 212
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-5217-4
data pubblicazione: Ottobre 2012
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto