Il diritto nella letteratura
18,00 €
10,8 €
     
SINTESI
Tra il costruito ed il costruibile, il giurista ricerca la giustizia sciogliendo le diverse opposizioni, quelle che, ad esempio, si danno tra l’individuale e l’universale e tra il concreto e l’astratto. Il diritto, infatti, prescrive, ma la lettera della legge, perché possa essere applicata, deve prima essere interpretata: ogni cosa, semplice o complessa, va letta ed ogni lettura, oggettiva o soggettiva, può destare controversie e disaccordi. Per di più, l’interpretazione giuridica – a differenza di quella filologica – non è semplicemente mera riflessione su una cosa pensata in un preciso momento, ma è piuttosto un contenuto, una volontà incontinua evoluzione che risponde a nuove necessità, a nuove condizioni e a nuove questioni giuridiche. Qui, proprio qui, letteratura e diritto si intrecciano. I miti e i grandi archetipi della letteratura ci parlano dell’origine e del destino del diritto. Mosè, Eschilo, Sofocle: dalla consegna delle tavole della legge all’invenzione della giustizia e poi ancora alla ribellione della coscienza.
pagine: 324
formato: 15 x 23
ISBN: 978-88-548-5175-7
data pubblicazione: Ottobre 2012
editore: Aracne
collana: Quaderni di Teoria del diritto e dello Stato | 8
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto