Psicologia della sordità
14,00 €
8,4 €
     
SINTESI
La sordità, per secoli, è stata reputata da intellettuali e scienziati come condizione limitante la vita quotidiana e l’abilità cognitiva di chiunque ne fosse portatore. Studi e ricerche lungo più della metà del secolo scorso sembrarono confermare tale idea, sebbene alla base vi fossero errori metodologici che, una volta compresi, condussero a risultati ben diversi. Il testo mira a un’analisi degli aspetti psicologici peculiari della sordità e dei campi a essa connessi, non partendo da storici pregiudizi che la incatenavano alla psicopatologia ma considerandola anche come condizione culturale. Particolare attenzione è riservata alle fasi della vita, al ruolo della famiglia (sorda o udente) nello sviluppo dell’individuo e all’influenza della lingua dei segni a livello cognitivo.
pagine: 224
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-5130-6
data pubblicazione: Ottobre 2012
editore: Aracne
collana: La scienza del silenzio | 1
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto