Foucault e la sovranità
13,00 €
7,8 €
     
SINTESI
La necessità di superare in senso microfisico e anatomico ogni concezione astratta del potere ha caratterizzato gran parte dell’opera di Michel Foucault. La sua critica del concetto di sovranità rimane un tema poco dibattuto. Questo studio tenta di colmare tale lacuna alla luce dell’esigenza di chiarire i termini di una questione, quella dei presupposti taciti di tale critica, che, a quasi trent’anni dalla scomparsa del filosofo francese, rischia di farsi ancora più oscura e sfuggente di quanto già non sia. Attraverso una metacritica della decostruzione foucaultiana della sovranità in questo studio si evidenzia come, nonostante l’indubbia forza corrosiva delle sue analisi, Foucault non sia riuscito a liberarsi completamente dall’influenza delle istanze umanistico–trascendentali da lui stesso avversate e nemmeno a dislocare la sua critica al di fuori del solco tracciato dalla scienza giuridica moderna, all’interno della quale Stato, sovranità, positività del diritto e unità del sistema giuridico appaiono legati indissolubilmente.
pagine: 144
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-5068-2
data pubblicazione: Settembre 2012
editore: Aracne
collana: Cronogrammi | 5
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto