Manualistica e cultura del codice civile in Italia tra Otto e Novecento
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Il presente lavoro ha come propria peculiarità di occuparsi non solo della ricerca giuridica come meccanismo tecnico nel periodo indicato, ma anche degli atteggiamenti dei giuristi che volta a volta compiono ricerche e insegnano diritto, e perciò anche delle condizioni in cui le svolgono e le divulgano, comprese le resistenze che incontrano o i rifiuti che oppongono. È infatti un’analisi delle specifiche modalità di trasmissione del sapere da parte della giusprivatistica italiana e un’indagine sui tentativi, tra Otto e Novecento, di ridefinizione dei suoi assunti dall’angolo visuale delle necessità della didattica giuridica. La ricerca aspira quindi a ricostruire, nel contesto italiano dall’Unità alla prima guerra mondiale, la formazione dei professori di diritto privato nel suo insieme, attraverso l’analisi delle tendenze della manualistica di diritto privato in relazione al problema centrale del metodo di interpretazione del codice civile.
pagine: 224
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5017-0
data pubblicazione: Luglio 2012
editore: Aracne
collana: Storia del diritto e delle istituzioni | 7
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto