Ludovico Dolce, Giovanni Tarcagnota, Girolamo Parabosco
17,00 €
10,2 €
     
SINTESI
Le Stanze nella favola d'Adone di Ludovico Dolce (1545), Giovanni Tarcagnota (1550) e Girolamo Parabosco (1553) permettono di analizzare contatti, scelte e formule narrative e linguistiche utilizzate da W. Shakespeare nel proprio Venus and Adonis (1593), e da G. B. Marino nel proprio Adone (1623), il quale molto deve alla scrittura poetica e alle figurazioni progettate proprio da Tarcagnota e Parabosco. Nei tre poemi, infatti, alcuni aspetti descrittivi, scenici e genericamente narratologici, sono raccontati all'interno di codici linguistici prettamente ariosteschi e finalizzati alla costruzione, da un lato, di una figura adonia già marinista, e dall'altro della stessa dea, ormai solo donna e non più dea. Una figura femminile così descritta si ritrova tanto nei dipinti di Tiziano, al quale risale il comune ambiente letterario di riferimento (la casa veneziana di Domenico Venier), quanto, più tardi, nelle figure femminili dipinte da Scipione Pulzone da Gaeta.
pagine: 288
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-5007-1
data pubblicazione: Luglio 2012
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto