La crisi della democrazia all’inizio del XXI secolo
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Da trent’anni la democrazia costituzionale italiana resiste ad attacchi di ogni sorta, prima parziali e mascherati poi sempre più ampi e dichiarati. L’obiettivo di questi attacchi è lo stato sociale costruito dal costituzionalismo del Novecento per sancire le conquiste che il movimento operaio e democratico offrì alla civiltà umana con la vittoria sul fascismo e sul nazismo. Della democrazia questo libro mira a disegnare gli aspetti rilevanti perché connessi ai bisogni materiali delle donne e degli uomini nelle aggregazioni umane a forma stato. Mostra come il capitalismo del liberismo globale si oppone alla democrazia dei diritti sociali, l’unica credibile. Indica una via di uscita dalla crisi che viviamo, quella di sconfiggere il neoliberismo e avviare la costruzione della democrazia nei grandi spazi per provare a soddisfare, nella pace, nelle libertà e nell’eguaglianza, i diversi bisogni del mondo.
pagine: 200
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-4999-0
data pubblicazione: Luglio 2012
editore: Aracne
collana: La Costituzione tra passato e futuro | 1
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto