Iugum libertatis
Dante e la lettura politica del libero arbitrio
23,00 €
13,8 €
     
SINTESI
La dottrina politica esposta nel Monarchia mostra lo sviluppo della lezione filosofico–morale che Dante ha proposto, inizialmente, nel Convivio. La teoria del libero arbitrio, connessa al raggiungimento della felicità terrena, diviene, nel testo latino, il presupposto su cui fondare un progetto politico che guardi alla restaurazione del potere imperiale di Roma. Individuata l’origine filosofica, emergono le implicazioni teologiche di un governo universale alla cui realizzazione sovrintende la Provvidenza divina. Piani di lettura così diversi rivelano un complesso insieme di fonti, che l’Autore compone in una lezione affatto originale: accoglie buona parte del repertorio aristotelico coevo, da quello radicale a quello che, con la Scolastica, aveva trovato l’accordo con gli insegnamenti cristiani; non rinuncia, al contempo, alla poderosa spinta innovativa che proviene dai pensatori francescani, in particolare coloro che hanno ricercato l’incontro con il profetismo gioachimita.
pagine: 408
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4977-8
data pubblicazione: Settembre 2012
editore: Aracne
collana: Cronogrammi | 3
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto