La Moldova postsovietica
17,00 €
10,2 €
     
SINTESI
Contesa da Impero ottomano e Russia zarista, parte della Romania tra il 1918 e il 1940, dopo il 1945 la Moldavia fu costituita in Repubblica Sovietica Moldava. Divenuta indipendente nel 1991 con il nome di Repubblica Moldova, ha sofferto la secessione della Transnistria, abitata in maggioranza da russi e ucraini, una pesante crisi economica e una massiccia emigrazione, riversatasi in misura consistente proprio in Italia. Il Nation-building nella Moldavia postsovietica è un caso di particolare interesse nello sviluppo dei nazionalismi europei. Dopo l’indipendenza, la politica interna è stata a lungo paralizzata dai contrasti tra i nazionalisti panrumeni, che chiedono il ritorno del paese alla Romania, e i sostenitori dell’esistenza di una specifica nazione moldava. Le forze politiche locali, sia filorusse, sia filoccidentali, auspicano l’entrata del paese nell’Unione Europea. Ma lo stato della sua economia e l’indefinitezza delle frontiere rappresentano notevoli ostacoli.
pagine: 256
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-4903-7
data pubblicazione: Giugno 2012
editore: Aracne
collana: Diritto di stampa | 16
SINTESI
INDICE
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto