Sulla propria pelle
La questione trascendentale tra Kant e Deleuze
14,00 €
8,4 €
Co-autori Paolo Vignola, Jacopo Vignola
Prefazione di Ignazio Semino
     
SINTESI
Per mostrare l’incessante rimando dalla tensione politica all’attenzione filosofica che anima il pensiero di Deleuze, abbiamo deciso di immergerlo nel grande mare del trascendentale kantiano. Perché Kant? Nella visione deleuziana della storia della filosofia, fatta di alleati e di nemici, Kant occupa un ruolo anfibio, erede e prosecutore di gran parte degli elementi contro cui Deleuze dirige le sue critiche ma, al tempo stesso, avversario da cui imparare molto e da cui partire, o meglio fuggire, per costruire un altro pensiero trascendentale. Si tratta di quello che Deleuze definisce “empirismo trascendentale”, la cui comprensione offre l’opportunità di cogliere gli esiti al tempo stesso teoretici e politici della “filosofia della differenza”.
pagine: 224
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4808-5
data pubblicazione: Maggio 2012
editore: Aracne
collana: trópos profili | 2
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto