Lavoro, democrazia, autogestione
21,00 €
12,6 €
     
SINTESI
Valori universali e formalmente riconosciuti come lavoro e democrazia sono qui declinati con una pratica sociopolitica “sovversiva”: l’autogestione. La ricerca, mentre interseca differenziati filoni di studio dell’autore (culture libertarie, sindacato e labour history nell’Italia del Novecento), si propone di esporre una tesi interpretativa rimasta a lungo sottotraccia, o comunque mai esplicitata in ambito storiografico. Ossia che si possa riconoscere sul lungo periodo, in specifico nell’arco temporale dell’interminabile secondo dopoguerra, un percorso sufficientemente coerente — sebbene accidentato, minoritario, “carsico” e non univoco — di una tendenza autogestionaria e libertaria del sindacalismo italiano. Così che il suo corpus teorico non si presenterebbe più come un prodotto spurio estemporaneo, quasi un quid novi dell’anno 1969, bensì quale risultante di una robusta e antica corrente di pensiero, certo alimentata da nuove esperienze sociali, culturali e finanche esistenziali.
pagine: 376
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-4804-7
data pubblicazione: Maggio 2012
editore: Aracne
SINTESI
EVENTI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto