Deleuze e il moderno
Indagine empirica su soggetti, tendenze, istituzioni
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Il libro si sofferma sugli anni della formazione filosofica e sui primi scritti di Gilles Deleuze, ricostruendo le tappe attraverso cui la predilezione per la linea empirica del moderno è sostenuta in opposizione al modello “coscienzialista” di soggetto risalente alla tradizione platonica e cartesiana su cui si innestano le influenze kantiane e hegeliane. Il pensiero deleuziano viene ricondotto alle fonti filosofiche moderne e al clima culturale del milieu parigino del secondo dopoguerra. L’interesse per la relazionalità patica del soggetto – e per la sua produttività – porta il filosofo francese, infatti, a stringere un sodalizio intellettuale fecondo con l’empirista scozzese David Hume, al fine di scompaginare l’Io e, di conseguenza, di ripensare la società a partire da una “differente” soggettività.
pagine: 244
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4799-6
data pubblicazione: Giugno 2012
editore: Aracne
collana: Studi di filosofia politica e diritto | 7
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto