Michel David. L’immaginario della Biblioteca
Scritti letterari
30,00 €
18,00 €
     
SINTESI
Un maestro della critica letteraria, italianista anomalo, ritorna sull’argomento a lui più caro, i fantasmi psichici che albergano negli scaffali delle biblioteche e fra le copertine dei libri. Offre preziose incursioni su temi quali il diario intimo, la psicocritica, la biblioteca babelica, e affronta da par suo autori maggiori e trascurati (Larbaud, Gian Dàuli), indagando con passione archivi e vicende segrete. Più rari dei grandi scrittori, è stato detto, sono i grandi critici. Uno di questi è Michel David, inimitabile e caratteristico quanto un Mario Praz, e altrettanto ilare e pungente. Siglano il volume lettere e commenti inediti di alcuni dei suoi massimi interlocutori: Montale, Arbasino, Moravia... Questa raccolta, con una sezione dedicata alla Liguria letteraria da David esplorata, segna il recupero definitivo di una delle maggiori intelligenze critiche del Novecento.
pagine: 572
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4766-8
data pubblicazione: Novembre 2012
editore: Aracne
collana: Studi e testi di Palazzo Serra | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto