La prima volta che vidi Marta
13,00 €
7,8 €
     
SINTESI
Quinta opera dello scrittore Marco Aru, La prima volta che vidi Marta avrebbe potuto anche chiamarsi “Della vanità”. Di questo argomento tratta. La vanità di tutti, uomini e donne, artisti e non, considerata sotto diversi punti di vista, attraverso una storia d’amore, fra Marta, appunto, e Gianni, vissuta sullo sfondo delle serate frivole di certi locali. Il culto dell’immagine è messo alla berlina nell’estremo tentativo (se vano solo il tempo lo dirà) del recupero della vita vera, delle cose che più contano. In Marta l’amore viene rappresentato sotto un punto di vista poco dibattuto, come il canovaccio di una serata dove si recita a soggetto; per alcuni è dramma, per altri falloforia e per altri ancora teatro dell’assurdo. L’impressione è di stare sempre a un passo dalla tragedia, che poi si compirà ma sotto forma di convenzione.
pagine: 204
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4743-9
data pubblicazione: Maggio 2012
editore: Aracne
collana: Fuoricollana
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto