Antropologia e scienze sociali a Napoli in età moderna
13,00 €
9,00 €
     
SINTESI
I saggi qui raccolti illuminano aspetti diversi della dimensione antropologica e sociale delle scienze nel Regno di Napoli nell’arco temporale tra il Rinascimento e l’Illuminismo. I saggi di M. Cambi, D. Carnevale e P. Palmieri analizzano episodi, pur cronologicamente distanti, del processo di secolarizzazione implicito nella ricerca di spiegazioni naturalistiche di fenomeni “limite” come il tarantismo, le morti improvvise e il vampirismo. I saggi di M. Toscano e B. Raucci mettono invece in luce l’emergere, nell’ambito delle ricerche geologiche, fisiche e chimiche della seconda metà del Settecento, di nuove figure professionali di intellettuali che indirizzano programmaticamente il proprio operato alla “pubblica felicità”. La dimensione pubblica e politica della cultura scientifica alla fine del Settecento viene particolarmente evidenziata nei saggi di P. Matarazzo e B.A. Naddeo, che analizzano il contributo delle nascenti scienze economiche e sociali all’analisi empirica della realtà del Mezzogiorno d’Italia.
pagine: 220
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-4665-4
data pubblicazione: Maggio 2012
editore: Aracne
collana: Filosofia e saperi | 4
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto