La Patria sbagliata di Giuseppe Bottai
Dal razzismo coloniale alle leggi razziali (1935-1939)
12,00 €
8,00 €
     
SINTESI
Un germe razzista insito nella originaria dottrina fascista era destinato a evolversi nel razzismo coloniale e in quello antisemita. La politica razziale del regime non fu inizialmente antiebraica, perlomeno fino alla conquista dell'Etiopia (1935-36), dopo la quale fu avviato un regime di apartheid nei confronti della popolazione dell'Impero. Iniziò da lì la legislazione segregazionista emanata a partire dal 1937, quando Mussolini non era in posizione subordinata nel rapporto con Hitler e l'allineamento con l'ideologia nazista sulla razza non era ancora operante. Il progressivo imbarbarimento dello Stato italiano avrebbe condotto alla promulgazione delle leggi razziali del 1938.
pagine: 188
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4614-2
data pubblicazione: Febbraio 2012
editore: Aracne
collana: Storia contemporanea | 3
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto