Nostalgia è il nome del tuo volto
7,00 €
4,2 €
     
SINTESI
Poesia pura fuori da ogni etica o moralismo che possa annullare il valore supremo che si cela dietro la scrittura. (…) Il poeta canta i volti nelle emozioni, liberati dalle ombre e dai pregiudizi. I versi si raccordano con il volto del povero, dello straniero, del carcerato, del contadino che è costretto ad abbandonare la terra e allo stesso tempo con il volto di chi ama nella sofferenza, dell’amato e dell’amante, di colui o colei che ha svuotato in un amore vivo o perduto l’essenza stessa della sua esistenza. Zone d’ombra visibili solo a chi rimane ai margini, a chi non racconta di morale, a chi non giudica in modo esasperato e senza coscienza, a chi rimane oscuro, ma illuminato da una grazia visibile che danza nei meandri del cuore del lettore (dalla Prefazione).Antonio Porretti è nato a Potenza nel 1964. Laureato in Scienze Religiose, lavora come impiegato di fabbrica e giornalista freelance. Ha collaborato con La Gazzetta del Mezzogiorno e La Voce della Campania ed è membro del Centro Studi e Ricerche di Pedagogia Sociale – Istituto Nazionale “Jacques Maritain”. Ha pubblicato le raccolte poetiche Arsura (1992) e Kairòs (2000).
pagine: 80
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4329-5
data pubblicazione: Ottobre 2011
editore: Aracne
collana: Ragnatele | 4
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto