Per la storia della stereotomia
Geometrie, metodi e costruzioni
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Scopo principale di questo studio è raccogliere, selezionare, tradurre, commentare e illustrare i brani più notevoli dei principali trattati, quasi tutti francesi, che tra la seconda metà del Cinquecento e la prima del Settecento definirono e svilupparono la stereotomia, vale a dire la scienza e l’arte del taglio della pietra. Per mezzo delle tecniche messe a punto dai vari trattatisti l’architettura in pietra è compiutamente descritta e, alla lettera, “costruita” in ogni suo più minuto dettaglio. Tali tecniche, infatti, definiscono un vero e proprio algoritmo generatore, per mezzo del quale l’edificio può essere non solo analizzato e verificato in fase di progetto, sia dal punto di vista statico, sia nella sua intrinseca connessione geometrica, ma anche costruito in ogni singola parte – e in luoghi diversi – per poi essere montato in opera. Esiste pertanto una notevole e assai singolare analogia tra la stereotomia e i moderni metodi e strumenti CAD: entrambi, in realtà, mirano essenzialmente alla costruzione di un modello tridimensionale compiuto e connesso, più che alla pura rappresentazione del modello mentale. In tal senso, se la stereotomia ha senz’altro posto le basi della geometria descrittiva – celebre la frase di Lagrange, dopo una lezione di Monge: «Non sapevo di sapere la geometria descrittiva!» –, l’odierna creazione di modelli digitali 3D chiude la parentesi mongiana focalizzandosi, come già la stereotomia, sul punto sostanziale: concepire, modellare e verificare complessivamente e unitariamente l’architettura prima della sua costruzione.
pagine: 188
formato: 21 x 29,7
ISBN: 978-88-548-4304-2
data pubblicazione: Ottobre 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto