Lo spazio pubblico nella città multietnica
18,00 €
     
SINTESI
La città multietnica, espressione organica dei luoghi vissuti dai migranti, si può presentare sotto diverse forme, determinate, principalmente, dalla sovrapposizione tra luoghi d’abitazione e spazi d’incontro. La coincidenza o meno di tali zone comporta un’appropriazione permanente o solo temporanea dello spazio pubblico, e la creazione o meno di flussi all’interno della città. La mappatura di queste osservazioni è il dato di partenza per indagare i due modelli di città multietnica analizzati in questo lavoro, due tipologie che possono essere definite come alternative: la città Sedentaria (Parigi) e la città Nomade (Roma). A queste due forme di città multietnica si possono collegare due diverse spazialità e due diverse figure di migrante. Da un lato, la città multietnica Sedentaria, nella quale gli abitanti incidono la propria impronta in modo permanente (spazio striato dell’aratro - homo faber), dall’altro, una città multietnica Nomade, in cui le cittadinanze emergenti realizzano un proprio modo di vivere la città, sovrapposto alla città ospite e solamente temporaneo (spazio liscio dell’errare - homo ludens).
pagine: 200
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-4297-7
data pubblicazione: Ottobre 2011
editore: Aracne
collana: Quaderni del dottorato | 4
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto