Riflessioni d’un giudice anticonformista
10,00 €
6,00 €
     
SINTESI
Il volume contiene i ricordi di un giudice che ha svolto vari ruoli, sempre con indipendenza e libertà di giudizio, rifiutando ogni tipo di compromesso. L'insieme delle esperienze vissute si concreta in una forte denuncia, che si articola in tre temi fondamentali: 1) la constatazione d'una giustizia gravemente malata e gestita da protagonisti, i quali, in realtà, non ne desiderano affatto la salute e l'efficienza; 2) la visione del pianeta–giustizia da un angolo inusuale: filosofico e non carrieristico, né conformistico; 3) la consapevolezza che una società decadente e amorale non può che generare un sistema giudiziario inefficiente e lassista. L'amaro biasimo per un'organizzazione farraginosa e per una società senza etica è consentita all'autore dal suo quarantennale operato, caratterizzato da udienze quotidiane e una produzione di circa 400 sentenze annue, di cui molte pubblicate su riviste specializzate.
pagine: 140
formato: 12 x 17
ISBN: 978-88-548-4249-6
data pubblicazione: Settembre 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto