Addio, mia bella addio
11,00 €
6,6 €
     
SINTESI
L'Italia è percorsa da una ventata di entusiasmi e speranze: il re di Napoli, Carlo Alberto di Savoia e il Papa concedono, con le Costituzioni, le prime garanzie liberali. Gli studenti dell'Università di Siena e di Pisa sono in prima linea nel rivendicare la libertà dall'Austria che occupa buona parte della penisola. Episodio epocale la partenza in armi con i loro professori e l'impegno nella resistenza a Curtatone e Montanara alle soverchianti forze austriache, cosa che consentirà all'esercito sardo–piemontese di riportare, l'indomani, la vittoria di Goito nella prima guerra federata per l'indipendenza. Un gruppo di essi fuggirà dalla prigionia per recarsi a Venezia ove ancora si combatte.Gualtiero Bellucci è professore emerito presso l’Università degli Studi di Siena. Per molti anni ha insegnato materie mediche come Anestesia e rianimazione e Storia della medicina. Vasta la sua produzione scientifica, oltre a libri di argomento diverso come: L’Ospedale dai mille anni (Sagep); Storia dell’anestesia (Piccin); Storia della rianimazione (Aracne); Per Cristo e per Riccardo Cuor di Leone (Aracne). Io, soldato di Napoleone e Cronache dalla Crimea (Aracne) costituiscono insieme al presente romanzo una trilogia dedicata al Risorgimento italiano. Ultimamente ha scelto la forma del romanzo storico in quanto convinto assertore che insegni divertendo.
pagine: 168
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-4092-8
data pubblicazione: Giugno 2011
editore: Aracne
collana: Fuoricollana
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto