Petrarca platonico
Studi sull’immaginario filosofico del canzoniere
18,00 €
10,8 €
     
SINTESI
Nel canzoniere Petrarca inscena la propria estenuante psicomachia generata dall’insuperabile contrapposizione tra passio e ratio, desiderio ed errore, ed esibisce ai lettori il percorso morale che lo porterà, dopo innumerevoli fluctuationes, ad attingere la meta filosofica dichiarata nei primi versi della seconda parte del libro: l’ascensione dell’«intellecto» dal «mortale carcer» terreno al «ciel». Il poeta, riversando nel proprio poema lirico parte dell’immaginario filosofico platonico, intesse una fitta trama di metafore che sostanziano il fine morale dell’opera, mentre ai somnia e alle visioni è affidato, come nella tradizione sapienziale antica, il disvelamento degli arcani più complessi. L’interpretazione del canzoniere quale allegoria morale su base platonica, del tutto congruente con la poetica di Petrarca, è incorsa nella storia dell’esegesi in una serie di alterne fortune e di obliterazioni, determinate dagli interessi prevalentemente biografici e stilistici dei commentatori: questo studio, fondato su solide basi documentarie e su un attento vaglio delle letture filosofiche di Petrarca, intende ripercorrerne le ragioni, fornendo una nuova e stimolante lettura del capolavoro della lirica italiana.
pagine: 264
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-4087-4
data pubblicazione: Giugno 2011
editore: Aracne
collana: Dulces Musae | 4
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto